Unrest in Nigeria has lowered oil and gas production, 
and the company is losing money in its key Americas exploration and production business, where its 
multibillion dollar Alaskan drilling program has been plagued by accidents and problems.
Shell has also been hurt by the poor environment for refining crude oil into products like gasoline and diesel,
especially in Europe, where demand for gasoline has weakened.
Analysts say that nearly all refineries in Europe are losing money because they are unable to sell refined products
for more than the cost of crude oil and processing.
The New York Times, 17 Gennaio 2014

 

Il New York Times riporta oggi che la Shell ha annuciato che gli utili per gli ultimi tre mesi del 2013 saranno la metà di quanto inizialmente stimato. Il popolo antitrivelle nel resto del mondo esulta. L’annuncio arriva da Ben van Beurden, della Shell, che dice che la colpa dei mancati obiettivi è delle difficili condizioni in Nigeria ed in Alaska e con le raffinerie europee che perdono tutte soldi.

Le stime iniziali di utili erano di 4,9 miliardi di utili, che però sono state abbassate a 2,9 miliardi, un calo del 48%.  Le azioni stamattina sono scese del 4% a Londra. Non è la prima volta che questo accade, anzi, è il terzo trimestre di stime al ribasso per la ditta olandese. 

Come molte ditte petrolifere, e finito il petrolio “facile”, la Shell è coinvolta in molte operazioni considerate rischiose e difficili. Ad esempio, i progetti di trivellare i mari delll’Alaska sono stati un fallimento dopo l’altro a causa delle cattive condizioni climatiche, dell’opposizine dei residenti e di imprevisti di vario genere che hanno reso impossibile tirare fuori una sola goccia di petrolio nonostante miliardi e miliardi di dollari spesi. Gli investitori hanno piu’ volte comunicato alla Shell di dovere ottimizzare le sue operazioni e di dover tagliare i costi.

Il risultato? A Dicembre 2013 la Shell ha annunciato di abbandonare i progetti per un terminale Gtl, che sta per gas-to-liquids, in Louisiana da 20 miliardi di dollari. E questo nonostante la Louisiana avesse un governo amico, e promesso incentivi e ogni sorta di facilitazione. L’idea era di creare fluidi normalmente prodotti dal petrolio, ma usando invece gas naturale come fonte primaria. Bocciato.

Tempo di passare ai pannelli solari, no? 

Qui sulle trivelle Shell in Alaska nel 2013nel 2012nel 2011 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libano, un massacro di uccelli di cui nessuno (o quasi) parla

prev
Articolo Successivo

Calabria, in costruzione la discarica più grande d’Europa. “No all’ecomostro”

next