Chiuse le indagini preliminari con l’ipotesi di reato di falso per presunte irregolarità durante le Parlamentarie di dicembre 2012 in provincia di Brindisi. Non ci sono politici indagati, ma scrutatori, in totale 30, che si sarebbero occupati delle operazioni di voto nel corso dell’appuntamento del dicembre del 2012 per scegliere gli esponenti di Pd e Sel che dovevano avere un seggio in Parlamento. L’inchiesta è stata condotta dalla Digos di Brindisi ed è partita da un esposto-denuncia di un esponente di Sel, Franco Colizzi, che aveva segnalato anomalie: in particolare era stata rilevata la presenza negli elenchi dei votanti di persone che non si erano mai recate al seggio. Colizzi è stato ascoltato a lungo, ma i pm hanno sentito anche vari esponenti del Pd, che a loro volta avevano sollevato pubblicamente dubbi sulla conduzione delle parlamentarie.

Nell’inchiesta sono coinvolti anche residenti nei comuni di Ostuni, Torre Santa Susanna, Erchie, Francavilla Fontana, Carovigno e Cisternino. Gli accertamenti investigativi si sono svolti in due tranche. Quattro le persone iscritte nel registro degli indagati in un primo momento, 26 in seguito alla seconda delega. Le 30 persone che hanno ricevuto l’avviso di fine inchiesta potranno, entro 20 giorni dalla notifica, chiedere di essere interrogati o presentare memorie.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rai, indagato per corruzione il re degli agenti Lucio Presta

next
Articolo Successivo

Mafia: se lo Stato è assente, facciamo fronte comune per difendere i magistrati

next