Caso De Girolamo: in base a quali criteri venivano collocati gli uffici territoriali della Asl? Le decisioni spettavano alla “struttura”: secondo i giudici, un direttorio politico-partitico costituito al di fuori di ogni norma di legge. Luca Bertazzoni intervista Arnaldo Falato, dirigente della Asl di Benevento, supertestimone nell’inchiesta, che spiega: “Mi hanno fatto capire subito che dovevano lavorare delle ditte vicine al Pdl e non più quelle dell’Udeur che rappresentavano ormai il vecchio”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Cacciari su caso De Girolamo: “E’ un sistema corrotto”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Travaglio: “I marchingegni della Cancellieri”

next