Caso De Girolamo: in base a quali criteri venivano collocati gli uffici territoriali della Asl? Le decisioni spettavano alla “struttura”: secondo i giudici, un direttorio politico-partitico costituito al di fuori di ogni norma di legge. Luca Bertazzoni intervista Arnaldo Falato, dirigente della Asl di Benevento, supertestimone nell’inchiesta, che spiega: “Mi hanno fatto capire subito che dovevano lavorare delle ditte vicine al Pdl e non più quelle dell’Udeur che rappresentavano ormai il vecchio”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Cacciari su caso De Girolamo: “E’ un sistema corrotto”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Travaglio: “I marchingegni della Cancellieri”

next