La maggioranza dei militanti 5 stelle ha dunque votato a favore della abrogazione del reato di clandestinità. La strada per arrivare a questo risultato è stata lunga, tortuosa, non priva di contraddizioni. C’è chi ricorda la scomunica ai parlamentari 5 stelle che, in commissione, votarono insieme ai colleghi del Pd e di Sel a favore della abrogazione del reato di clandestinità, chi, invece, ricorda le ambiguità del Pd su altre materie, chi contesta modi e forme dello stesso referendum on line, chi esalta la lungimiranza di Grillo e Casaleggio e chi contrappone alla consultazione in rete gli oltre milioni di donne e di uomini che hanno votato alle primarie del Pd.

Tutto questo ” tintinnar di lingue” rischia di produrre un solo risultato: annullare il valore, nel metodo e nel merito, del referendum che ha visto prevalere i favorevoli ad una posizione ispirata alla accoglienza, alla inclusione sociale, al rispetto dei diritti umani e civili. Vi sembra poco di questi tempi segnati dal razzismo, dalla xenofobia, da risorgenti forme di squadrismo, in Italia e in Europa?

Invece di perdere tempo con gli occhi fissi sullo specchietto retrovisore, si prenda  atto del risultato, si concordi una proposta comune tra quanti sono favorevoli alla abrogazione del reato di clandestinità, si vada nelle aule parlamentari e si chieda il voto. Se Alfano e i suoi non saranno d’accordo, ce ne faremo tutti una ragione.

Magari, per accompagnare questo voto, si potrebbe anche pensare di convocare una grande manifestazione contro il razzismo, per dire ‘no’ a chi, camice neroverdi in testa, sta animando una pericolosa caccia alla Kyenge che ha il torto di essere donna e nera, due qualità insopportabili per i manipoli di ogni natura e colore.

Non si tratta di scendere in piazza per difendere un ministro, ma di riaffermare senza ambiguità e in modo deciso i principi della uguaglianza, della non discriminazione, della inclusione sociale, che sono poi i pilastri della Costituzione. Ritrovarsi insieme per dire ‘no’ alla clandestinità, al razzismo e alla squadrismo non ci sembra meno importante del quotidiano e reciproco scambio di invettive.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lampedusa, porto sicuro. Perché il Cspa non deve chiudere (nonostante tutto)

prev
Articolo Successivo

Pregiudizi Universali

next