I magistrati di Palermo ancora nel mirino di Cosa Nostra. Totò Riina vuole polverizzare Nino Di Matteo, magistrato che rappresenta la pubblica accusa nel processo sulla trattativa Stato-mafia, e Matteo Messina Denaro, stando a un ex fedelissimo, starebbe cercando tritolo per organizzare un attentato: bersaglio Teresa Principato, procuratore aggiunto che coordina le indagini per portare in carcere il boss di Castelvetrano. 

Il Fatto Quotidiano sta con i magistrati impegnati in prima linea contro la mafia e sta con Nino Di Matteo sottoposto a un livello eccezionale di protezione per l’ordine di morte che il padrino corleonese ha lanciato dal carcere. Così domenica 12 gennaio 2014 alle 18.00 l’appuntamento è al Cinema Teatro Golden di Palermo. Il Fatto Quotidiano vi invita a partecipare all’evento: “A che punto sono la Mafia e l’Antimafia”. Partecipano: il procuratore generale di Palermo Roberto Scarpinato, la giornalista e scrittrice Barbara Spinelli, il direttore e il vice direttore del Fatto, Antonio Padellaro, Marco Travaglio. L’ingresso libero fino ad esaurimento posti. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fatto del lunedì – Caos Poste Italiane

prev
Articolo Successivo

Fatto del lunedì – Depressione, esaurimento. Uscirne si può

next