Panchina, di legno. Trave un po’ pendente, di legno. Una specie di muro fatto di infiniti pezzi, di legno.

Chi si siede chissà cosa vede.

[Lesachtal, Carinzia]

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Poesia, il ricordo di Amiri Baraka tra versi e rivoluzione

next
Articolo Successivo

Fabrizio De Andrè moriva quindici anni fa. Tutta Italia ricorda ‘l’evangelista’ laico

next