Riparte “L’Aria che tira”, la trasmissione condotta da Myrta Merlino, in onda martedì 7 gennaio su La7, dalle 11 alle 13.30. Tra gli ospiti in studio, Paolo Romani, capogruppo di Forza Italia al Senato, Pippo Civati, deputato del Pd e sfidante di Matteo Renzi alle primarie, Stefano Bonaccini, uno dei più stretti collaboratori di Renzi e componente della segreteria del Pd (responsabile degli Enti locali), Carlo Giovanardi parlamentare del Nuovo Centrodestra, e i giornalisti Vittorio Feltri, Ida Dominijanni e Andrea Scanzi. La puntata affronterà tutti i principali temi dell’attualità politica, in un confronto serrato tra i vari ospiti in studio e con il contributo di servizi e schede filmate.

Si parlerà, inoltre, delle prossime mosse del Pd di Matteo Renzi, tra Job act, legge elettorale, unioni civili e sostegno al Governo. Ma anche del nuovo organigramma di Forza Italia: chi sceglierà Berlusconi per rifondare il partito? Il nome nuovo è davvero Marina? E poi, cosa c’è nel futuro di Beppe Grillo? Continuerà a respingere tutte le proposte che arrivano dagli altri partiti anche sulla riforma elettorale? “L’Aria che tira” riprende la sua programmazione quotidiana, dal lunedì al venerdì, dopo la pausa natalizia e i successi della stagione autunnale che hanno portato il programma a uno share medio che nella prima parte supera il 6% e a incrementare gli ascolti del 117% rispetto all’anno precedente. Il programma é trasmesso in streaming all’indirizzo www.lariachetira.la7.it, dove saranno inoltre disponibili i video dei servizi andati in onda, una bacheca per rimanere in contatto con la redazione e le repliche integrali delle puntate, ed è presente anche sui social network Twitter (@ariachetira) e Facebook (lariachetira).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Su Facebook la foto della testa mozzata di un gatto: “Non viola community standards”

prev
Articolo Successivo

Bersani, la rete e i commenti: non lasciamoci condizionare dagli imbecilli

next