Si sono concluse questa mattina le operazioni di recupero del corpo senza vita dello speleologo G. G. appartenente allo Speleo Club Cai della Valle D’Aosta, scivolato ieri pomeriggio nel torrente sotterraneo all’interno della grotta Tacchi Zelbio. Lo rende noto il corpo nazionale del Sioccorso Alpino e speleologico. In corrispondenza del primo sifone, a circa 250 metri dall’ingesso, lo speleologo si era calato in una delle fenditure che collegano il ramo fossile della grotta con il ramo attivo ma è stato trascinato via dal fiume sotterraneo in piena a causa delle abbondanti precipitazioni di questi giorni.

La grotta è lunga circa nove chilometri ma solo il primo chilometro è normalmente percorribile dagli speleologi proprio a causa delle acque che la percorrono e che sfociano, attraverso percorsi ancora da scoprire, nel sottostante Lago di ComoLa complessa operazione di recupero ha coinvolto diverse strutture operative del Cnsas subito intervenute dopo che i compagni dello speleologo erano riusciti ad uscire per lanciare l’allarme attraverso il numero unico di richiesta di soccorso 118 verso le 16.00 di ieri.

Sono state coinvolte nelle operazioni di ricerca e recupero del corpo la XIX delegazione alpina lariana, speleosub addestrati nella gestione in sicurezza di interventi di recupero in grotte subacquee e tecnici di costruttori specializzati nell’allargamento artificiale delle strettoie che ostacolavano la progressione della speciale barella con il corpo dello speleologo nella grotta di Zelbio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tagli ai superstipendi pubblici, la legge affonda. Il Tar: “Lo Stato restitusca i soldi”

prev
Articolo Successivo

Berlusconi dona 50mila euro a una coppia di disoccupati. “Babbo Natale esiste”

next