Ilfattoquotidiano.it è un giornale online di successo che usa WordPress come piattaforma di base. E’ la dimostrazione che, in tempo di crisi economica, si può usare una piattaforma gratuita e “open source” per crearsi un lavoro. I numeri del Fatto on line lo dimostrano: a maggio del 2013 ha festeggiato i tre anni di attività, con 7 milioni e 193 mila browser unici, secondo i dati Nielsen. Nello stesso mese dello scorso anno, WordPress festeggiava i suoi 10 anni di vita. In origine questa piattaforma, che usa il linguaggio php, fu ideata per aprire e gestire un blog. Ma negli anni è diventata una piattaforma CMS elaborata e complessa, in grado di supportare qualsiasi attività commerciale e divulgativa, consentendo anche di crearsi un lavoro.

Vi do qualche esempio. Il sito Assodigitale (Associazione Industrie digitali) è realizzato con WordPress e oggi il suo animatore – Michele Ficara Manganelli – sostiene le attività dell’associazione attraverso gli introiti che registra il sito, che ha raggiunto circa un milione di visite mensili. Massimo Cecco, invece, faceva il ferroviere fino a qualche anno fa. Oggi vive a Malta, è diventato un esperto di WordPress e web marketing, e ha guadagnato molti soldi negli ultimi anni con le sue numerose piattaforme. In Italia non ha più intenzione di tornare: troppe tasse, dice. Nella difficile Sicilia di Gela, dove il lavoro è una chimera per molti, la giovane Alma Canni si è inventata una professione: insegna alle donne a camminare con stile sui tacchi. Il suo approccio psicologico per il recupero della femminilità è racchiusa nel suo sito, realizzato con WordPress. Massimo Mantellini è tra i blogger più famosi in Italia, con un un numero altissimo di visite e citrazioni mensili, ed usa WordPress. Naturalmente, lo uso anch’io da alcuni anni e con soddisfazione.

E voi, che idea avete in mente per non morire in questa Italia che non fa nulla per il lavoro?

Segui il mio impegno sociale contro le videodipendenze su Netdipendenza Onlus.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Class action contro Facebook: “Spia i messaggi privati per vendere pubblicità”

prev
Articolo Successivo

Ces 2014, novità a Las Vegas: tablet curvi e boom delle stampanti in 3D

next