Cosa ci riserverà la politica per il 2014? Come si comporteranno i leader politici? Una volta erano queste le domande che ci ponevamo alla fine di ogni anno. Nell’Italia di oggi, invece, i quesiti principali sono altri. Con la disaffezione politica, gli italiani si chiedono se la “casta dei politici diventerà meno famelica” o “se figli o nipoti troveranno lavoro”. Una previsione va comunque fatta, dal momento che da questa classe politica dipendono tante decisione. Ecco l’analisi del direttore de il Fatto Quotidiano, Antonio Padellaro sui protagonisti della scena politica: il decaduto senatore Silvio Berlusconi (leader di FI-Pdl) che entro maggio saprà del suo destino ed è alla ricerca del suo nuovo delfino; Beppe Grillo (leader del M5s) che ha scelto di stare sulla riva del fiume aspettando i cadaveri della vecchia partitocrazia; il neo-segretario Pd Matteo Renzi con la sua promessa: “Entro pochi mesi riuscirò a dare un cambiamento al Paese”; Enrico Letta (Pd) e il suo governicchio che dovrà sopravvivere fino alla primavera del 2015; Giorgio Napolitano alle prese con il suo ottavo discorso di fine anno da Presidente della Repubblica che tiene ben stretto il potere e guida la politica  (riprese e montaggio Paolo Dimalio)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il contro-discorso di Grillo: “Napolitano faccia come Cossiga si dimetta prima”

prev
Articolo Successivo

Ilfattoquotidiano.it: auguri e cifre per un sogno lungo un anno

next