Fuggito a un controllo di polizia a Rimini, un giovane si tuffa in mare per scappare e muore. I vigili del fuoco hanno recuperato così il corpo di un giovane, presumibilmente di nazionalità tunisina, all’altezza dello stabilimento balneare 63 di Rimini sud. L’uomo era stato fermato sul lungomare dalla polizia per un controllo intorno alle 16.30, ma è scappato in direzione della spiaggia e si è immerso in acqua. I poliziotti lo hanno visto in lontananza mentre entrava in mare ed hanno allertato Capitaneria di porto e vigili del fuoco. Il corpo è stato recuperato a pochi metri dalla battigia intorno alle 18.30. Non si conosce l’identità del giovane, l’età stimata è di circa 20 anni. La polizia presume fosse di nazionalità tunisina perché con lui, al momento del controllo, c’era un tunisino, anch’egli 20enne, al quale verranno chieste domani informazioni utili per risalire all’identità del giovane morto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il nuovo prefetto di Bologna Ennio Mario Sodano: “Lotta alla mafia sarà una priorità”

prev
Articolo Successivo

Capodanno in Emilia Romagna, a Rimini Mengoni e hip-hop. A Bologna dj-set

next