Il nuovo capitolo del caso Datagate viaggia sui fondi marini. Una divisione speciale della Nsa, l’agenzia per la sicurezza nazionale Usa, nel febbraio scorso ha piratato la rete informatica di una serie di società che utilizzavano il cavo sottomarino di telecomunicazioni SEA-ME-WE 4. Lo rivela il sito francese Mediapart, confermando informazioni contenute in un lungo articolo del settimanale tedesco Der Spiegel. Il cavo parte da Marsiglia e collega il sud dell’Europa al Nordafrica e all’Asia arrivando fino a Singapore. Nei suoi quasi 19mila chilometri di lunghezza, costeggia Nordafrica, Medio Oriente, penisola arabica e sud dell’India.

Secondo alcuni documenti riservati, forniti alla stampa dall’ormai celebre talpa Edward Snowden, l’operazione di pirataggio è stata svolta da un team della divisione Tailored access operations (Tao) della Nsa, tramite un virus informatico. I virus di questo tipo ridirigono i dipendenti di un gruppo o istituzione bersaglio verso delle copie dei siti web che usano e installano nel loro sistema dei software spia. Con questo espediente, riporta Mediapart, la Nsa è riuscita a recuperare informazioni sulla struttura del cavo e sulla distribuzione dei flussi di dati tra i diversi nodi della rete.

L’agenzia ha inoltre avuto accesso ai metadati delle interazioni via web avvenute attraverso il cavo piratato, ovvero a tutte quelle informazioni che uno scambio digitale porta con sé al di là del contenuto (data, luogo di emissione e di ricezione, identità delle persone coinvolte). Tra le aziende che utilizzano il cavo c’è la francese Orange (ex France Telecom), che, contattata dai media dopo la rivelazione della notizia, ha fatto sapere che queste manovre di intrusione sono state effettuate “interamente a nostra insaputa”, e che sarebbe pronta ad adire le vie legali se si verificasse che c’è stato un tentativo di intercettare i dati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Guantanamo verso la chiusura, approvata norma per trasferire i detenuti

prev
Articolo Successivo

Indipendenza Catalogna, governo spagnolo diffonde manuale contro il separatismo

next