Un giovane di 28 anni di Potenza si è dato fuoco dopo aver perso il lavoro. I medici parlano di “condizioni disperate”, le ustioni ricoprono il 90% del suo corpo. La notte di venerdì 20 dicembre si è cosparso di benzina e ha acceso le fiamme. Per farlo ha scelto la casa di campagna di proprietà della sua famiglia, a pochi chilometri dal capoluogo lucano. Adesso è ricoverato al Centro grandi ustioni dell’ospedale Cardarelli di Napoli. Cinque mesi fa aveva perso l’impiego in un’azienda, nella zona industriale di Baragiano (Potenza). Secondo quanto si è appreso, prima di darsi fuoco, il giovane ha lasciato dei biglietti, uno dei quali era rivolto alla fidanzata, dove ha spiegato i motivi del gesto e la disperazione per aver perso il lavoro.

Saranno i carabinieri a fare chiarezza sull’episodio. Secondo una prima ricostruzione, il giovane, da solo in casa, avrebbe tentato di spegnere le fiamme lanciandosi in una cisterna d’acqua. E’ riuscito a chiamare i soccorsi, e sul posto sono intervenuti i militari dell’Arma e il 118, che lo hanno trasportato all’ospedale San Carlo di Potenza, ma, a causa della gravità delle ferite, è stato deciso il trasferimento a Napoli, dove è ricoverato in terapia intensiva.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La casta del superlusso in Vaticano. Il Papa taglia, Bertone e Giani ampliano casa

prev
Articolo Successivo

Malpensa, busta aperta nel bando per lo sportello rifugiati. Lega: “Fatto grave”

next