Romano Prodi fuori dalla direzione nazionale del Pd. Eppure lo statuto del partito prevede che agli ex premier sia riservato un posto nell’organismo. A dissipare ogni dubbio, un comunicato dell’ufficio stampa del Professore: “Da più parti la previsione dell’ingresso di ex presidenti del Consiglio iscritti al Partito democratico nella direzione dello stesso partito ha fatto immaginare che ciò possa riguardare anche il presidente Romano Prodi. Non è così né potrebbe esserlo giacché il presidente non è più iscritto al Pd“.

Nonostante un timido riavvicinamento, segnato dalla decisione di votare alle primarie, tra il Partito democratico e il suo ex presidente rimane un profondo fossato. Un solco scavato dall’imboscata dei 101 franchi tiratori che affossarono l’ascesa al Quirinale di Romano Prodi. Dopo il tradimento del partito che lo aveva proposto come Presidente della Repubblica, il fondatore dell’Ulivo aveva deciso di non rinnovare la tessera. Da qui, la logica conseguenza: fuori dal Pd, fuori dalla direzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Inquinamento polveri sottili, la petizione: “Pizzarotti spenga l’inceneritore di Parma”

prev
Articolo Successivo

Piazza Grande, compie 20 anni il giornale dei clochard: “Ricordando Tonino”

next