Assalto neonazista a una manifestazione antifascista in Svezia. Il corteo, a cui hanno aderito circa 200 persone, stava attraversando le strade di Karrtop, sobborgo di Stoccolma: i cittadini stavano protestando proprio contro l’intensificarsi di iniziative neonaziste nella zona. A quel punto, è scattata l’aggressione da parte di quaranta militanti di estrema destra, che hanno lanciato bottiglie, torce e mortaretti all’indirizzo dei dimostranti.

Il portavoce della polizia svedese, Sven-Erik Olsson, ha riferito che sono stati arrestati 28 neonazisti, mentre due persone sono state ricoverate in ospedale e un poliziotto è rimasto ferito dopo essere stato colpito alle spalle da un oggetto pesante. Un gruppo neo-nazi chiamato Movimento di resistenza svedese ha rivendicato la responsabilità dell’aggressione sul proprio sito.

Le immagini trasmesse dall’emittente di Stato Svt mostrano alcune famiglie che scappano con i bambini nel passeggino, mentre alcuni mortaretti esplodono in mezzo alla folla. Si sentono le urla delle persone. Successivamente si vedono i manifestanti che si muovono verso gli aggressori cantando slogan anti nazisti e li costringono a ritirarsi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, 2 mila cristiani prigionieri in un villaggio. I miliziani minacciano il massacro

next
Articolo Successivo

Egitto: tra arresti, morti e feriti, la repressione entra nelle università

next