Regole e tempi certi per i concorsi di ammissione alle specializzazioni mediche. Sono tra le richieste avanzate dai giovani medici che hanno manifestato oggi in piazza Montecitorio a Roma e in molte altre città italiane. “Chiediamo una rapida emanazione del decreto ministeriale che dovrebbe garantire nuove regole di accesso per la specializzazione mediche”, spiega Luca Arcadi, coordinatore comitato ‘Pro Concorso nazionale’. “Fino allo scorso anno i concorsi erano locali e quindi facilmente manipolabili dalle commissioni. Il ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza ha fatto una legge per estenderli a livello nazionale, ma ancora non sappiano quali saranno le regole”, spiega Arcadi. “Siamo qui – conclude – per chiedere che vengano emanati al più presto i decreti attuativi che stabiliscano regole certe e tempi certi per quando dovremo sostenere la prova di ammissione alla specializzazione”  di Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Landini incontra il governo: “Si cambi la Legge di Stabilità. No alle privatizzazioni”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, la protesta dei Forconi a Roma

next