Il Tribunale di Sorveglianza di Bologna si è riservato di decidere sulla richiesta avanzata da Anna Maria Franzoni di detenzione domiciliare. La donna uscendo a conclusione dell’udienza non ha rilasciato commenti. E’ stato il suo legale, avvocato Paola Savio, a spiegare che il Tribunale si è riservato sulla decisione in merito alla richiesta di domiciliari per assistere il figlio più piccolo, Gioele. L’avvocato ha anche detto che la Procura generale ha espresso parere contrario.

“Annamaria ovviamente aspetta con ansia la risposta”, ha continuato il legale. “Non abbiamo chiesto nulla di diverso da quello che era già stato fatto in passato e che era già stato scritto” ha ribadito lasciando il tribunale. “Il procuratore generale ha espresso parere contrario, noi abbiamo sostenuto le nostre motivazioni” ha detto, aggiungendo che la Sorveglianza si è riservata sulla decisione. Tempi? “I tempi del tribunale non li conosco, si prenderanno il loro tempo”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Public Money, chiuse le indagini. 12 capi d’accusa per l’ex sindaco di Parma Vignali

next
Articolo Successivo

La compagna vuole lasciarlo, lui la massacra di botte e cerca di darle fuoco

next