Maurizio Landini, segretario generale della Fiom Cgil, risponde a distanza a Matteo Renzi, neo-segretario del Pd, che proprio ieri, nel suo discorso da vincitore delle primarie, aveva invitato al rinnovamento e al cambiamento anche i sindacati. “Non so cosa dice Renzi – afferma Landini – io dal mio punto di vista credo che il rinnovamento significhi avere regole democratiche, permettere ai lavoratori di decidere, di partecipare e significa anche rappresentare tutte le forme di lavoro, combattendo le discriminazioni che in questi anni si sono determinate”. In una conferenza a Milano, per presentare il suo libro ‘Forza Lavoro’ (Feltrinelli), Landini riconosce che il sindacato italiano ha ancora molta strada da fare. “Tornando a Renzi – riprende – il punto diventa cosa ora intende fare, visto che deve rispondere a una forte domanda di cambiamento che l’ha portato alla guida del Pd”. Infine sul movimento dei Forconi: “Ognuno ha il diritto di manifestare democraticamente le proprie idee”  di  Fabio Abati

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Adozioni internazionali: le famiglie italiane ancora bloccate in Congo

prev
Articolo Successivo

Parto forzato in Regno Unito: nuove famiglie, vecchie discriminazioni

next