Maurizio Landini, segretario generale della Fiom Cgil, risponde a distanza a Matteo Renzi, neo-segretario del Pd, che proprio ieri, nel suo discorso da vincitore delle primarie, aveva invitato al rinnovamento e al cambiamento anche i sindacati. “Non so cosa dice Renzi – afferma Landini – io dal mio punto di vista credo che il rinnovamento significhi avere regole democratiche, permettere ai lavoratori di decidere, di partecipare e significa anche rappresentare tutte le forme di lavoro, combattendo le discriminazioni che in questi anni si sono determinate”. In una conferenza a Milano, per presentare il suo libro ‘Forza Lavoro’ (Feltrinelli), Landini riconosce che il sindacato italiano ha ancora molta strada da fare. “Tornando a Renzi – riprende – il punto diventa cosa ora intende fare, visto che deve rispondere a una forte domanda di cambiamento che l’ha portato alla guida del Pd”. Infine sul movimento dei Forconi: “Ognuno ha il diritto di manifestare democraticamente le proprie idee”  di  Fabio Abati

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Adozioni internazionali: le famiglie italiane ancora bloccate in Congo

next
Articolo Successivo

Parto forzato in Regno Unito: nuove famiglie, vecchie discriminazioni

next