Con un comunicato stampa che è un capolavoro di equilibrismo, il colosso americano General Motors annuncia che dal 2016 Opel diventerà il suo marchio principale in Europa; e che Chevrolet si concentrerà su prodotti “iconici”, come la Corvette. Parafrasando, GM ha deciso che “spegnerà” la Chevrolet per rafforzare la Opel perché, di fatto, oggi i due marchi si pestano i piedi a vicenda.

Certo, ci vuole coraggio ad abbandonare un brand che nei primi dieci mesi dell’anno ha venduto comunque 126mila macchine, vale a dire più o meno come la Mini. O come l’Alfa Romeo e la Lancia insieme. Ma ormai la convivenza stava diventando molto faticosa da gestire, soprattutto perché le operazioni europee di GM sono in rosso da anni. Al Salone di Francoforte di fine settembre il presidente della Opel, Karl-Thomas Neumann, aveva anticipato che era necessario un riposizionamento. “Ci sono esempi come la Opel Ampera e la Chevrolet Volt, due macchine simili con prezzi differenti in mercati differenti, e nessuno sa neanche come e perché. Nel passato abbiamo lasciato che i due marchi facessero tutto quello che era necessario per competere nel mercato, ma ora dobbiamo spendere ancora più energie per differenziarci”. La via scelta è la più drastica: addio alla compatta Cruze, alle Suv Trax e Captiva, ma anche alla piccola Spark e alla monovolume Orlando.

“Questa decisione rafforzerà il brand Opel e ridurrà la complessità associata all’avere due marchi in Europa e in Europa dell’Est”, recita il comunicato, anche perché “due marchi” significa anche due strutture organizzative e due reti di vendita. I clienti Chevrolet, comunque, dovrebbero stare tranquilli: la Casa assicura che continuerà a provvedere alla garanzia, al servizio e ai ricambi. Anzi, di più: gli afecionados del marchio sacrificato e i consumatori più attenti potranno approfittare delle promozioni sui prodotti uscenti, che GM ha già messo in conto assieme alle spese per ristrutturare la rete di vendita.

Nel piano di ristrutturazione è incluso anche il rilancio europeo del terzo e più lussuoso marchio GM, la Cadillac, che per ora ha dato ben poche soddisfazioni: 318 auto vendute in tutto il Continente in dieci mesi. La Lamborghini, per intenderci, ha fatto meglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renault Twingo, la ‘cittadina’ francese compie vent’anni. Nel 2014 la terza serie

prev
Articolo Successivo

Ford, modelli dal mondo: dalla Ka alla Mustang, le novità sono tutte globali

next