“Via la scorta al pregiudicato Berlusconi e via i carabinieri davanti a palazzo Grazioli “. E’ quanto chiede il Movimento Cinque Stelle che al Senato rivolge un’interrogazione parlamentare, firmata per primo dal senatore Mario Giarrusso, al ministro degli Interni e vicepremier, Angelino Alfano. “È assurdo che i cittadini debbano pagare per la sicurezza di un pregiudicato che non è più parlamentare e che tra l’altro ha tutti i mezzi per pagarsi da solo guardie del corpo e sistemi di protezione”, scrivono i cinque stelle in un comunicato.

“Ci risulta – continuano – che la scorta di Berlusconi sia fatta di personale di varia provenienza con stipendi da favola“. Dei veri e propri “pretoriani”, attaccano i senatori del Movimento, “probabilmente inquadrati nei servizi“. Quindi chiedono al ministro Alfano : “perché debbano essere i cittadini a pagare”. Altra questione sollevata nell’interrogazione è il presidio delle forze dell’ordine davanti alla residenza romana di Silvio Berlusconi in via del Plebiscito: “Perché carabinieri e polizia invece di dedicarsi alla sicurezza dei cittadini vengono impiegati per stazionare davanti alla casa di un pregiudicato?”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nuovo centrodestra, Alfano al Pd: “Patto di governo per il 2014, poi subito al voto”

prev
Articolo Successivo

Renzi, il Berluschino di riserva contro i lavoratori

next