Al termine di una lunga malattia, è morto nella sua casa di Modena il “re delle figurine”, Umberto Panini. Nato a Pozza di Maranello il 3 febbraio del 1930, era l’ultimo dei quattro fratelli (Giuseppe, Benito e Franco Cosimo) che fondarono l’omonima azienda nota per la produzione di figurine.

Dopo le prime esperienze professionali in Venezuela, Panini rientrò a Modena agli inizi degli anni ’60, richiamato dal fratello Giuseppe che gli scrisse in una lettera “l’America è qua”. Un’America che per i fratelli Panini si concretizzò nel 1961 quando, forti dell’esperienza maturata nella loro agenzia di distribuzione di giornali, diedero vita alla prima Collezione Calciatori Panini, per il campionato 1961-1962. Fino al 1988 la Panini restò un’azienda familiare, per poi passare più volte di mano. La società si è infine lanciata nel settore dei fumetti che ha visto, nel settembre 2013, l’acquisizione del ramo di azienda dei periodici Disney in Italia, con il suo patrimonio di fumetti storici come Topolino. Nell’azienda familiare, Umberto Panini curò in particolare la parte industriale e progettò personalmente macchinari per la produzione e il confezionamento delle figurine. Dopo l’uscita della famiglia dal settore editoriale, fondò l’azienda agroalimentare Hombre, dove sarà allestita la camera ardente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giornalista suicida in Calabria, editore accusato di violenza privata

prev
Articolo Successivo

Ior, nominato nuovo direttore. Prosegue la riforma di Papa Francesco

next