Un 14enne di Foiano della Chiana (Arezzo) è morto durante una partita di calcio giovanile (categoria Giovanissimi) ad Abbadia San Salvatore, al confine tra le province di Siena e Grosseto. Il giovanissimo atleta è stato colpito da un malore nella gara tra la squadra di Foiano, nella quale milita, e la Amiata di Abbadia S. Salvatore. Secondo quanto spiega il sito de La Nazione, il 14enne, dopo aver giocato tutto il primo tempo senza avere avuto alcun malessere, è stato colpito da un malore a due minuti dalla fine della partita. 

E’ stato immediatamente soccorso dal medico della società. Gli interventi dell’auto medica e dell’ambulanza della Misericordia sono stati tempestivi. La chiamata di soccorso è arrivata al 118 alle 11:35 e alle 11:40 i sanitari erano già sul posto, visto che il campo di calcio è a poche decine di metri dalla sede della Misericordia e dallo stesso ospedale del centro amiatino. I sanitari hanno provato a salvare il giovane con un defibrillatore, ma non c’è stato niente da fare. Il 14enne, colpito da arresto cardiocircolatorio, è stato portato subito nel vicino ospedale e poco dopo la salma è stata trasferita all’obitorio di Nottola, nei pressi di Montepulciano.

Il ragazzino, spiega ancora il quotidiano locale, studiava all’istituto commerciale. La prima squadra del Foiano, che partecipa al campionato regionale di Eccellenza ed era in trasferta, è stata richiamata e la partita è stata rinviata. Nel 2007 , la stessa società, è stata colpita da un identico lutto. Anche quella volta, un attaccante 22enne del Foiano, si accasciò al suolo durante un’amichevole tra squadre impegnate in seconda categoria. Da allora la società aretina è particolarmente impegnata nella sicurezza sui campi di calcio e, anche pochi mesi fa, un defibrillatore è stato donato al centro sportivo foianese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Calcio, la schiavitù e le illusioni svendute

next
Articolo Successivo

As Roma, Unicredit conferma: “Trattative in corso per cedere quote”

next