Intervista di Valentina Petrini per “Piazzapulita” (La7) a Nicola Cosentino, che rilascia le prime dichiarazioni appena terminati gli arresti domiciliari. L’ex deputato del Pdl, che era ai domiciliari perché coinvolto nel processo “Il Principe e la scheda ballerina”, viene sorpreso dall’inviata mentre è impegnato a fare jogging. E, nonostante l’affanno, non si ferma nella corsa, rispondendo alle domande della Petrini. “Ormai non faccio più politica” – dichiara – ” mi sono consegnato al giudizio dei giudici ed è a questo che sono interessato. Il mio orizzonte sono i processi e la mia famiglia. Di politica non ne voglio più sapere“. E sulla scissione interna al Pdl afferma: “Non è il mio impegno, non è il mio orizzonte”. L’ex sottosegretario, imputato per concorso esterno in associazione camorristica, respinge le accuse di aver comprato i voti dalla camorra: “E’ l’ipotesi fantasiosa di pentiti che, dovendo salvare se stessi, i patrimoni e tutte le cose illecite che hanno prodotto fuori, tendono a dire che io gli ho chiesto qualche voto”. Alla domanda della giornalista su una sua opinione relativa agli ultimi 20 anni di politica, risponde: “Lo dovete domandare a chi ha governato la Campania, a Bassolino e ai suoi. La colpa e la responsabilità sono degli enti locali di centrosinistra. Poi è chiaro che la responsabilità è anche del centrodestra e per certi aspetti” – continua – “c’è stato un periodo in cui centrodestra e centrosinistra se la intendevano. La politica consociativa in Campania c’è sempre stata, sennò come faceva il Pdl a prendere l’11%?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carceri, dall’amnistia alla telefonata qualcosa non torna

next
Articolo Successivo

Cancellieri, Cuperlo vs Civati: “Pd non è somma solisti, stasera decisione su sfiducia”

next