Sono 50 le vittime dell’incidente aereo che si è verificato a Kazan, nella Russia centrale. Durante la fase di atterraggio, il boeing 737 si è schiantato a terra, per poi esplodere poco dopo. L’aereo passeggeri, che apparteneva alla Tatarstan Airlines, si è schiantato intorno alle 19.20 ora locale. Secondo quanto riferito dai media locali, l’aereo ha provato per tre volte ad atterrare prima di impattare con il terreno ed esplodere. Le fiamme dell’incendio sono state domate dai vigili del fuoco dopo circa un’ora dall’incidente. Una fonte dei servizi di emergenza ha riportato che i piloti hanno commesso un errore, ma c’è anche la possibilità di un problema tecnico. Un portavoce del ministro delle Emergenze russo ha spiegato che non ci sono stati sopravvissuti: sono morti tutti i 44 passeggeri e i sei membri dell’equipaggio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diritti umani, la Cina cambia?

prev
Articolo Successivo

Arafat, Abu Mazen chiede un’inchiesta internazionale sulla morte

next