Nel giorno della rinascita di Forza Italia e dello strappo con gli alfaniani, l’esercito di Silvio, il movimento di fedelissimi al Cavaliere, si riunisce al teatro Orione di Roma. “Nessuno tocchi Silvio”, una convention per ribadire la vicinanza all’ex premier: “perchè Berlusconi è sempre Berlusconi”. “Avevamo conservato le bandiere di Forza Italia dal ’94”, dicono i partecipanti. Dopo ore di attesa, Berlusconi non si presenta: “Troppo stanco dopo il Consiglio Nazionale”, spiegano gli organizzatori. Così si ripiega con un collegamento telefonico a senso unico, Berlusconi parla per dieci minuti ma la platea non può interagire con lui. “Oggi è un nuovo inizio – dice – studiate e andate avanti per la libertà di questo paese”. Un intervento senza colpi di scena senza nominare Alfano. “Non mi ha colpito niente di particolare”, dice un partecipante. “Ha parlato – commenta un altro – di contenuti che porta avanti da 20 anni, cioè la forza della libertà”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nasce ‘Nuovo Centrodestra’, Alfano: “A Berlusconi ho dato tutto”

prev
Articolo Successivo

Ilva: Vendola-Archinà, come si interpreta una telefonata?

next