Giancarlo Giannini, l’ex presidente della vigilanza delle assicurazioni (Isvap oggi Ivass) “aveva improntato la funzione di vigilanza nei confronti” di Fondiaria Sai “in modo tardivo e inefficiente” in cambio della promessa da parte di Salvatore Ligresti della nomina a presidente dell’Antitrust, “una volta scaduto l’incarico” alla stessa Isvap. La conferma dell’ipotesi già emersa nell’ambito dell’inchiesta torinese sulla compagnia di assicurazioni arriva con la chiusura delle indagini con cui il pm di Milano Luigi Orsi ha contestato a Ligresti e a Giannini la corruzione e al solo Giannini anche la calunnia.

Quest’ultima contestazione nasce dall’episodio in cui l’ex presidentedell’Isvap nell’aprile 2012 con una denuncia in Procura a Milano “incolpava” del reato di ostacolo all’attività dell’organismo di vigilanza sulle assicurazioni gli allora amministratori di FonSai “sapendoli innocenti”, quando invece era stato lui stesso, tra il 2002 e l’agosto del 2010, a disporre “che l’Isvap non effettuasse alcuna ispezione” sul gruppo se non “tardivamente nell’ottobre 2010”.

Confermate anche le intercessioni di Ligresti presso Silvio Berlusconi per il futuro di Giannini. Il costruttore siciliano, si legge infatti nell’atto di chiusura delle indagini milanesi, avrebbe avuto“contatti con il presidente del Consiglio” per “fare ottenere, una volta scaduto dall’incarico di Presidente dell’Isvap, l’incarico di presidente” dell’Antitrust a Giancarlo Giannini. In particolare, si legge nell’atto, “nel corso di siffatto tardivo e inefficiente esercizio della funzione di vigilanza […] riceveva da Salvatore Ligresti e accettava la promessa di ottenere, un volta scaduto dall’incarico di presidente dell’Isvap, l’incarico di Presidente dell’AUtorità garante della concorrenza e del mercato. Promessa cui Ligresti faceva seguire contatti con il presidente del Consiglio pro tempore”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Incassa milioni di incentivi e chiude: il pacco fotovoltaico dell’oligarca russo

next
Articolo Successivo

Telecom Italia, Procura Roma indaga su cessione quota banche a Telefonica

next