Francesco Storace rispolvera Alleanza Nazionale. Recupera vecchio nome e simbolo del partito post missino e prova a riunire le varie anime della destra sociale frammentata: La Destra, una parte di Fli, senza Gianfranco Fini, Fiamma Tricolore e tante associazioni. Alla presentazione del progetto politico ha partecipato anche un’applauditissima Assunta Almirante. La nascita di una nuova An però passa anche attraverso gli studi notarili. Il presidente della fondazione Alleanza Nazionale, Franco Mugnai, ha diffidato chiunque dall’utilizzare nome e simbolo del partito fondato da Gianfranco Fini. Anche perché c’è la questione del “tesoretto” della fondazione, tra beni immobili e centinaia di milioni di euro di denaro pubblico. “Quella dei quattrini è una fissazione de il Fatto Quotidiano – scherza Francesco Storace – ma non ce ne frega niente. Si tengano i soldi, basta che ci lasciano il simbolo. Mugnai ci ha diffidato? E che fa un maxiprocesso? Guardi quanta gente c’è…” di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Processo Farinella: il cardinal Bagnasco contro Papa Francesco

prev
Articolo Successivo

Come si diventa (nuova) classe dirigente in Italia

next