Quattro diciottenni e un diciassettenne, tutti studenti incensurati, sono stati denunciati per violenza sessuale di gruppo aggravata ai danni di una minorenne. E’ stata la ragazzina, una studentessa 16enne italiana, a presentare querela nella caserma dei carabinieri di Modena. E’ tutto accaduto durante una festa tra compagni di scuola, in una casa a Modena. La 16enne ha raccontato di essere stata indotta a bere, forse più del dovuto, e di essere stata poi trascinata in bagno dai cinque ragazzini che, a turno, mentre uno faceva il palo, l’avrebbe violentata. Sono stati ascoltati alcuni testimoni e raccolti gli esiti degli esami medici sulla vittima.

La ragazzina, dopo meno di 24 ore dalle violenze, ha trovato il coraggio di raccontare tutto ad alcune amiche e alla madre e si è quindi rivolta ai carabinieri. Ai cinque denunciati è stato effettuato l’esame del dna per poi effettuare una comparazione con le tracce biologiche trovate sulla biancheria intima della giovane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto Emilia, imprenditore si incatena davanti alla Regione: “Lo Stato ci aiuti”

prev
Articolo Successivo

Crociata contro la moschea promessa da Pizzarotti. Lega Nord raccoglie le firme

next