Annullato l’incontro tra i parlamentari del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio. L’appuntamento era stato deciso a seguito dello scontro sull’emendamento sul reato di immigrazione clandestina e avrebbe dovuto tenersi venerdì prossimo in una località alle porte della Capitale. Ma, apprese le perplessità di alcuni parlamentari su tempi e luogo del confronto, il leader e il guru del M5S hanno deciso di disdire la trasferta.

La decisione dai vertici del Movimento – incontro venerdì e ‘fuori porta’ – aveva infatti creato non pochi malumori tra i 5 Stelle: in molti chiedevano che il confronto avesse luogo in Parlamento, altri avevano fatto notare che due giorni appena di preavviso (la data dell’incontro era stata divulgata solo ieri) non erano sufficienti per organizzarsi, soprattutto con una ‘tabella di marcia’ serrata sul territorio, tra meetup e incontri a cui tener fede. Così i deputati ‘pentastellati’ ieri, durante l’assemblea, avevano sollevato il problema e deciso di sondare gli umori “verso decisioni calate dall’alto”, come lamentava un deputato.

Un sondaggio ‘interno’ aveva fotografato la volontà dei far slittare l’incontro, ma soprattutto “di non ripetere la ‘scampagnata fuori porta’”, ironizzava un altro parlamentare richiamando la trasferta a Tragliata dell’aprile scorso. I senatori intanto si interrogavano sulla questione ed erano pronti a pronunciarsi a loro volta. Se non che il sondaggio ‘internò è trapelato, ben presto arrivato alla stampa e alle orecchie di Grillo e Casaleggio. Che, già indispettiti dalle polemiche dei giorni scorsi, hanno deciso di revocare l’incontro di venerdì.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decadenza Berlusconi, Boccia (Pd): “Voto segreto? Non si modifichino le regole”

next
Articolo Successivo

Negazionismo, M5s e Psi votano no: rinviato l’ok finale. Grasso: “Peccato”

next