Come anticipato ieri da un quotidiano belga e da ilfattoquotidiano.it, il Fondo monetario internazionale ha inserito nel Fiscal report di ottobre l’ipotesi di una patrimoniale una tantum del 10% in 15 Paesi dell’Eurozona per abbattere il debito pubblico dei Paesi interessati, Italia compresa. “Ridurre il debito pubblico a livelli del 2007”, si legge a pagina 49 del documento, “richiederebbe una aliquota intorno al 10% del patrimonio delle famiglia con ricchezza netta positiva”. 

“Il netto deterioramento delle finanze pubbliche in molti Paesi ha riacceso l’interesse verso un prelievo di capitale, come misura eccezionale per ripristinare la sostenibilità del debito”, si legge nel dossier. “Le condizioni per il successo sono forti, ma vanno pesate contro i rischi di misure alternative, che comprendono il ripudio del debito pubblico“, aggiunge l’organizzazione di Washington, citando alcuni illustri sostenitori di una manovra di questo tipo, fra cui “Pigou, Ricardo, Schumpeter, e – prima che cambiasse idea – Keynes”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Meccanismo di Stabilità Europeo, signoraggio e caccia alle streghe

next
Articolo Successivo

Grazie allo spread le imprese tedesche risparmiano 70 miliardi di euro

next