“Il M5S ha presentato due emendamenti alla delega sulla messa alla prova e sulle depenalizzazioni in discussione in Commissione Giustizia al Senato che consente di abolire subito la carcerazione per i reati di clandestinità e di uso di droghe leggere e andare, così, incontro al problema del sovraffollamento delle carceri. Invitiamo le altre forze a votare con noi per dare una risposta tempestiva al problema senza demagogia“. Questo l’annuncio che ieri pomeriggio ha dato Maurizio Buccarella (M5S), partecipando ad una conferenza stampa sulla presentazione del Piano carceri dei 5 Stelle, in cui spiegava il senso dei suoi emendamenti e che di lì a poche ore avrebbe presentato in Commissione Giustizia al Senato. Poi il resto è storia. Dopo che la Commissione ha approvato l’emendamento di Buccarella e dell’altro senatore a 5 Stelle Maurizio Cioffi che elimina il reato di immigrazione clandestina, Beppe Grillo dal suo blog ha parlato di una “posizione del tutto personale che non è stata discussa in assemblea e che non è mai stata sottoposta ad alcuna verifica formale all’interno” di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clandestinità, si spaccano i partiti. Bagarre in Senato per la protesta della Lega

next
Articolo Successivo

Clandestinità, è scontro nel M5S: dure critiche degli eletti alla linea Grillo

next