Da “We are 99%” a “Uno vale uno”. Micah White, uno dei fondatori di Occupy Wall Street, ospite questo week end del Festival di Internazionale a Ferrara, incontrerà nelle prossime ore un rappresentante del Movimento 5 Stelle. Sarà un primo contatto per permettere all’attivista statunitense di conoscere meglio un fenomeno che ha attirato la sua attenzione, un fenomeno che – ha detto durante gli incontri a Ferrara – vorrebbe importare negli Usa: “Sono molto interessato a tutti i partiti che stanno emergendo, specialmente il Movimento 5 Stelle per la loro abilità di entrare nel processo democratico e nelle elezioni, che è impossibile negli Stati Uniti”, dichiara a margine di un incontro sul media-attivismo domenica mattina.

Dopo un lungo periodo di attività a Zuccotti Park, Occupy Wall Street, movimento americano nato in opposizione agli eccessi della finanza durante la crisi economica, ha perso la sua forza. White lo definisce un “fallimento costruttivo”: “È stato un momento rivoluzionario bellissimo e magico, ma è stato sconfitto”. Alla base della sconfitta ci sono delle strategie sbagliate: “Pensavamo si potesse fare un movimento di sola protesta che – se avesse avuto abbastanza gente sulle strade, di diverse età e d’accordo sui temi principali – sarebbe stato capace di forzare il governo statunitense a cambiare le sue posizioni. È stato sbagliato. Ora OWS è uscito dalle piazze e adesso ci stiamo riunendo e riflettendo”.

Il movimento è andato avanti con un processo di “try, fail, try again”, cioè “prova, sbaglia, prova ancora”: “ È stato un test di ipotesi – continua White -. L’ipotesi è che si potesse cambiare il mondo organizzando proteste di massa molto virali e rapide. È stato un ‘fallimento costruttivo’ perché abbiamo fallito ma ci ha aiutato a capire cosa fare dopo. Adesso abbiamo imparato che dobbiamo essere più focalizzati su certi target e più specifici: la protesta deve raggiungere un obiettivo molto specifico molto velocemente. Non deve essere riformista, ma un progetto che deve essere raggiunto in 30 giorni. Altrimenti la gente si stanca o deve tornare a casa”. Per questo, in vista delle prossime elezioni americane nel 2014 e delle presidenziali del 2016, White e gli altri di OWS stanno osservando quanto accade in Europa per la capacità di trasformare la protesta di massa in una forza istituzionale: “Per le elezioni vorremmo creare un movimento virale e sociale”. White spiega che in un Paese dove i vincitori delle elezioni sono il “99 per cento delle volte” quelli che raccolgono più fondi dalle imprese, una delle cose da ‘importare’ è la capacità di fare una campagna elettorale con poco denaro: “Penso che le faremo senza soldi, lavorando più duramente ma in maniera autentica”. Finora White non ha ancora incontrato nessun rappresentante del Movimento 5 Stelle, ma ciò avverrà fra pochi giorni. Sul nome dell’interlocutore White non si sbilancia.

In passato ci sono stati altri incontri tra il movimento italiano e gli statunitensi. Si è trattato però di incontri con i diplomatici dell’ambasciata americana. Dopo le elezioni Vito Crimi e Roberta Lombardi incontrarono l’ambasciatore David Thorne. Per la sede diplomatica Usa si è trattato di “un’occasione per approfondire la conoscenza del Movimento e la sua posizione sull’attualità italiana”. Nell’aprile 2008 invece fu Beppe Grillo a incontrare i rappresentanti americani, interessati alle attività politiche del comico.

L’esperienza del M5S e di Grillo sarebbe anche alla base del Wikileaks party, stando a quanto dichiarato nell’agosto scorso da Peter Shipton, padre naturale di Julian Assange, in un’intervista al Venerdì di Repubblica: “Lui e Roberto (Gianroberto Casaleggio, ndr) hanno dimostrato che si può costruire una strategia mediatica efficace senza capitali”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Maternità, non solo servizi. Il mercato metta al centro la riproduzione

next
Articolo Successivo

Nuovo Movimento Progressista Mondiale, la gioia sta arrivando!

next