“Dedico la medaglia alle vittime di Lampedusa“. Lo ha annunciato Vanessa Ferrari, dopo l’argento vinto al corpo libero ai Mondiali di ginnastica di Anversa, in Belgio. L’azzurra, che si è esibita sulle note di Tangled Up di Caro Emerald, ha chiuso alle spalle della statunitense Simone Biles e davanti alla romena Larisa Iordache. “Vanessa – ha dichiarato il suo allenatore Enrico Casella – è senza dubbio la più grande ginnasta italiana di sempre e oggi è stata la prima delle umane, visto che la Biles in questa specialità è di un altro pianeta. Non alla trave, però, dove a mio parere, doveva starci dietro. Anche noi abbiamo presentato ricorso al corpo libero, ma è stato respinto. Quelli delle due americane, invece…”.

Quello di Vanessa Ferrari è il primo argento mondiale della storia della ginnastica azzurra femminile, il nono in totale per la Federginnastica, mentre complessivamente è il 49esimo piazzamento iridato della Fgi. “I tanti ragazzi che sono morti nella tragedia di Lampedusa come me nello sport erano alla ricerca di un sogno ma loro non ce l’hanno fatta”, ha detto la Ferrari. “Poi voglio dedicarla anche ad Alberto Busnari, che ha subito un’ingiustizia, ieri, al cavallo con maniglie, a mio fratello Ivan e ad Andrea (Cingolani, bronzo europeo al corpo libero lo scorso aprile a Mosca), il mio ragazzo che purtroppo per un infortunio ai Giochi del Mediterraneo non ha potuto gareggiare”, aggiunge. “Non c’è un segreto per rimanere a certi livelli – racconta – Magari ci fosse una pozione magica. Se ti alleni puoi arrivare, se non lo fai di sicuro”.

Infine una battuta sul quarto posto nella trave: “Penso di meritarmelo proprio questo argento, dopo una serie di quarti posti – conclude – la trave è un attrezzo strano dove te la giochi sul momento. Secondo me dovevo stare sul podio anche lì”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, la squadra formata da migranti diventa un film: la storia di Liberi Nantes

prev
Articolo Successivo

Serie A, risultati e classifica – Roma 7 bellezze, cuore Juve contro lo psico-Milan

next