Dimissioni presentate e mai ritirate. Michaela Biancofiore perde la poltrona: unica dei sottosegretari, insieme a Simona Vicari, ad aver presentato le dimissioni su richiesta di Berlusconi, non le ha mai ufficialmente ritirate. E chi questa volta non intende fare eccezioni alla regola è il capo del governo Enrico Letta: “Le cose”, ha detto in un’intervista a SkyTg24, “sono cambiate e si vede anche da questi gesti”. Ma la deputata non ha intenzione di stare a guardare: “Apprendo”, ha commentato, “ancora una volta da un mezzo di informazione nazionale che ha intervistato il premier, che le mie dimissioni sarebbero state accettate per una formalità. Posto che, come tutte le agenzie nazionali hanno battuto, i ministri non hanno ritirato le dimissioni ma sono state respinte dallo stesso Letta cosa da lui confermata anche per i sottosegretari nel corso delle dichiarazioni sul voto di fiducia nell’aula della Camera, attendo intervento dal vice premier Alfano nonché segretario del mio partito.

L’ex sottosegretaria alla Pubblica amministrazione chiede chiarimenti: “Bisogna capire se si tratta di una epurazione frutto di una precisa scelta politica di mobbing, che nulla ha a che vedere, con tutta evidenza, con l’unità del partito da più parti evocata. Confermo comunque che rilascerò ogni commento nel corso della conferenza stampa che intendo indire per martedì prossimo a Roma”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo Letta per forza. Ma non si sa bene perché

prev
Articolo Successivo

Ecco perché abbiamo bisogno di una nuova legge elettorale

next