Con lancio di uova e farina, una cinquantina di attivisti del collettivo universitario Cua ha contestato Enrico Letta, a Bologna per l’inaugurazione del Mast, centro di welfare e cultura aperto in questi giorni nella prima periferia della città. I ragazzi, al grido di “assediamo il responsabile dell’austerità“, hanno tentato di forzare il cordone di agenti davanti ai cancelli dell’edificio, e ci sono stati dei tafferugli con lancio di cartelli e fumogeni. Ma il premier, entrando da un accesso laterale, non li ha nemmeno incrociati.

Video di Giulia Zaccariello

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riscaldamento globale, nella Pianura Padana è ora di agire

next
Articolo Successivo

Emilia Romagna, si vota per il referendum sulla fusione di undici comuni

next