Gaetano Pascale, ex ispettore della Squadra Mobile a capo del pool investigativo bloccato nel 2003 non usa mezzi termini nel raccontare le indagini del tempo. “In squadra – denuncia Pascale – c’erano elementi che avevano interessi personali e patrimoniali ad Ostia, questo sicuramente non garantiva un’asetticità fondamentale per una corretta conduzione dell’inchiesta”. Indagine che è venuta fuori 10 anni dopo, quando l’operazione Nuova Alba ha fatto finire in carcere 51 persone per associaizone mafiosa. Pascale, anch’esso riformato dalla Polizia di Stato, ora collabora con l’Fbi ed è docente di criminologia. Anch’egli, come Piero Fierro, è in causa per mobbing con il Ministero dell’Interno  di Luca Teolato, riprese e montaggio di Flavio Costa

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La denuncia di un ex poliziotto: “La mafia sul litorale di Roma poteva essere sconfitta 10 anni fa”

next
Articolo Successivo

Venezia non può permettersi il rischio-Schettino

next