Barbara Lezzi e Paola Taverna sono le due senatrici che parteciperanno al ballottaggio per eleggere il nuovo capogruppo del Movimento 5 Stelle al Senato. La vincitrice del nuovo scrutinio che si terrà a fine mese (probabilmente martedì o mercoledì prossimi) sostituirà l’uscente Nicola Morra. E ancora una volta i due candidati al ballottaggio esprimono le anime interne del gruppo. Da una parte i più moderati hanno scelto Barbara Lezzi (23 voti), dall’altra i più fedeli si sono sentiti rappresentati da Paola Taverna (23 voti), l’autrice dei sonetti contro i dissidenti. L’assemblea dei senatori grillini ha inoltre indicato Mario Michele Giarrusso e Gianluca Castaldi vicepresidenti, Monica Casaletto segretario, Giuseppe Vacciano tesoriere e Carlo Martelli delegato d’Aula.

L’assemblea trasmessa in streaming non è stata delle più tranquille. Ad accendere gli animi è stata la proposta di Vito Crimi, ex capogruppo 5 Stelle, di usare il voto palese. In molti hanno criticato questa proposta. Abbastanza duri i cosiddetti dissidenti. Francesco Campanella ha sostenuto: la proposta di Crimi “mi sembra un po’ forte, un intervento fatto con l’accetta…”. Anche Luis Alberto Orellana sulla stessa linea: “e’ una minaccia dire ‘o voto palese o non voto’. Se non voti, chi se ne frega”.

Ancora piu’ duro, Lorenzo Battista che rivolgendosi a Crimi ha detto: “Tu Vito hai la capacita di intervenire su tutto, condizionando le persone. Anche ieri su chi doveva intervenire e che cosa doveva dire sulla commemorazione di Franca Rame”. Parole che sono state interrotte dallo stesso Crimi che, urlando, ha negato fosse così. Battista ha concluso polemico: “Anch’io interverrò su tutti gli argomenti come fai tu”. Bartolomeo Pepe ha invitato alla calma e ha rivolto “anche a Vito un invito alla cautela. Ma ora votiamo.. Facciamo la grigliata, la graticola come si chiama, ma votiamo”. Maurizio Romani ha aggiunto: “Perché adesso vogliamo votare in modo palese? Perche’ non ci fidiamo di noi. Per capire chi si schiera per uno o per un altro, e’ un’idiozia. Mi domando perche’ cambiamo le carte in tavola un minuto prima della votazione…”. Clima molto teso, dibattito di un’ora e alla fine si e’ deciso, per alzata di mano, che ognuno fa come preferisce: chi vuole vota in modo palese, chi non vuole vota in modo segreto. “Insomma – ha concluso una irritata Elisa Bulgarelli che presiede l’assemblea – ognuno fa come gli pare. Abbiamo perso un’ora perché’ siamo deficienti”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi è bollito, solo Napolitano e Pd possono salvarlo

next
Articolo Successivo

Grillo a Boldrini: “Oggetto di arredamento del potere”. Lei: “Offende le donne”

next