8 settembre 2013, ore 10:11: “#Casaleggio vuole parlare senza fotografi e giornalisti. Bisogna chiedere il tso e lo streaming coatto #M5S”. E’ un tweet di Luca Telese. L’ex direttore del fu quotidiano Pubblico è riuscito con magnifica grazia, e in meno di 140 caratteri, a scrivere sia una pessima battuta che una bugia.
 
Lo stesso Gianroberto Casaleggio smentisce Telese, scrivendo sul blog di Beppe Grillo: “La fantasia al potere sembra essere la parola d’ordine di alcuni giornalisti. Io non ho vietato l’ingresso di fotografi o giornalisti in sala, non ne avevo comunque la facoltà, e non mi sono adirato per i tweet sul mio intervento, che peraltro non ho neppure letto, come riportato da alcuni favolisti”.
Casaleggio è stato soltanto uno dei relatori del forum Ambrosetti a Cernobbio, in altre parole un ospite. Non è stato Casaleggio a dettare le regole per la stampa, bensì “The European House – Ambrosetti”, che dal 1975 organizza questo prestigioso meeting di inizio settembre.

Il tso bisognerebbe chiederlo non per Casaleggio, ma per Luca Telese. Tso nel senso di Trattamento Stipendio Obbligatorio: ex collaboratori del fu quotidiano Pubblico ancora sospirano in attesa della pecunia non elargita. I tapini avrebbero dovuto blitzare il loro ex direttore irresponsabile fra i banchi di Forum, durante la sua ‘marchetta’ per Matrix: hanno perso un’occasione unica per fare richiesta di tso con salario coatto. E quando gli ricapita di incontrare Telese in tribunale?
 

Altra bufala: Casaleggio avrebbe addirittura litigato con i fotografi. Così titola Il Giornale: “Casaleggio a Cernobbio. “Spiego le idee del M5S”. Ma litiga con i fotografi”.

Questo è semplicemente falso. Come dimostra questo video, Casaleggio non ha affatto litigato con i fotografi o con i giornalisti (non sarebbe del suo stile, mica è uno scalciante La Russa). Il co-fondatore del M5S ha piuttosto preferito evitare di rispondere ai giornalisti, chiedendo a chi di dovere di garantirgli un minimo di tranquillità.

Perché Casaleggio, a parte rare eccezioni, preferisce non rispondere alla stampa italiana? Forse per non stimolare la già ipertrofica fantasia dei giornalisti nostrani, sempre pronti a confezionare titoli creativi come quelli del Giornale. E quando un giornale non ce l’hanno più, per sbrigliare la fantasia basta un tweet.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Editoria in crisi, Espresso notifica 80 esuberi alla redazione di Repubblica

prev
Articolo Successivo

Videomessaggio di Berlusconi, quel vizio illegale del pregiudicato

next