Attentato incendiario in Valsusa: nella notte alcuni mezzi della Imprebeton, azienda impegnata nei lavori della Tav Torino-Lione, sono stati dati alle fiamme. Il fuoco a Salbertrand, nella sede dell’azienda, si è esteso alla vicina officina. Fortunatamente, però, l’incendio non ha raggiunto la cisterna di gasolio vicino a cui si trovavano i mezzi dati alle fiamme. Per precauzione è stato chiuso anche un tratto dell’autostrada del Frejus, e le auto che percorrono la A32 e sono dirette a Torino sono costrette a uscire al casello di Oulx Ovest e a rientrare a quello di Susa.

I mezzi andati distrutti sono sette – quattro betoniere, due camion e una gru -, per un valore complessivo di circa un milione di euro. In mattinata sul posto sono arrivati per un sopralluogo il capitano della compagnia di Susa Stefano Mazzanti e il sostituito procuratore Antonio Rinaudo che ha aperto un’inchiesta sull’episodio. L’incendio secondo gli inquirenti è di origine dolosa riconducibile all’area anarchica del movimento No tav che negli scorsi giorni e mezzi ha incendiato altri mezzi, sempre di notte, presso le sedi di varie imprese che lavorano all’alta velocità. Il gesto di questa notte per ora non è stato rivendicato e non sono stati trovati inneschi, ma è probabile secondo gli inquirenti che siano stati bruciati.

L’attentato è avvenuto a poche ore dalla visita del ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi, a Torino, dove ha incontrato una delegazione di imprenditori impegnati nei lavori per la realizzazione della nuova linea ferroviaria ad Alta Velocità Torino-Lione. Sugli avvenimenti della notte si è espresso proprio il ministro con parole di condanna: “L’escalation terroristica dei No Tav è segno della loro sconfitta sul piano delle ragioni e del consenso. Ai delinquenti – aggiunge Lupi – risponderemo con le armi della giustizia e con la politica del fare. Facendo la Tav e proteggendo chi ci lavora”. Dura presa di posizione anche del senatore del Pd, Stefano Esposito, che per i sabotatori parla di atteggiamenti di stampo mafioso: “Contro i mafiosi No Tav – spiega – non resta che applicare le leggi previste per la mafia“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eleonora Cantamessa, soccorre uomo pestato: dottoressa muore investita da aggressori

next
Articolo Successivo

Cie di Milano, nove immigrati arrestati con l’accusa di incendio doloso

next