Tornano in piazza i precari della scuola a Roma e in tutta Italia. Nella Capitale un centinaio di persone ha manifestato sotto la sede dell’ex Provveditorato esponendo un grande cassonetto di cartone con la scritta: “Questo è il mio Stato, prima mi usa e poi mi getta“. Nel mirino il ministro dell’istruzione, Maria Chiara Carrozza. “Si è vantata di aver annunciato 11mila assunzioni – spiegano i manifestanti – ma i precari in tutta Italia sono 150mila e persino la Gelmini ne aveva assunti il doppio: 23mila”. Molti dei partecipanti al sit-in hanno indossato magliette gialle, con sopra scritto a pennarello il numero di anni di lavoro precario prestato. “Io lavoro con contratti a termine da 17 anni – racconta un’insegnante, Rosaria – è impossibile avere dignità professionale così. Ho guardato il calendario delle convocazioni e per quest’anno ancora non c’è nulla: non so nemmeno se potrò lavorare”  di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brunetta li insulta e gli esodati occupano la sede di Forza Italia

next
Articolo Successivo

Caporalato, sfruttamento e sommerso tra le vigne dell’Oltrepo pavese

next