Sta facendo il giro del web questo video in cui si vede un padre siriano a cui viene riportato il figlio di tre anni sopravvissuto all’attacco con le armi chimiche della scorsa settimana. L’uomo, residente a Zamalka, uno dei quartieri orientali di Damasco, era convinto che il piccolo fosse rimasto ucciso durante il sanguinoso attacco a Ghouta

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, la Cina rispolvera la non ingerenza. Ma anche a Pechino conta il petrolio

next
Articolo Successivo

Obama ricorda Martin Luther King: “Le sue parole hanno liberato l’America”

next