Non ci saranno espulsioni, ma chi esprime opinioni polemiche deve dire pubblicamente che è contro l’alleanza con il Partito democratico o un Letta bis. L’ex capogruppo al Senato del Movimento 5 Stelle Vito Crimi cerca di riportare ordine tra i suoi. “In una fase come questa”, dice, “occorre chiarezza, anche da coloro che vengono segnalati dai giornali come ‘aperturisti‘. Dovrebbero dire che è tutto falso, che non c’è alcuna intenzione di dare un appoggio a un eventuale governo con il Pd o a un Letta bis. Se poi qualcuno è interessato ad altri partiti, allora vada pure”. Un tentativo di mediazione che non piace al senatore Lorenzo Battista: “Se ci sono problemi”, dice al fattoquotidiano.it, “venga a parlarne in assemblea. Noi parliamo di un governo della società civile per realizzare cinque punti, ma da chi pensiamo di essere sostenuti? Sia un governo a 5 Stelle, ma qualcun altro lo deve votare. Io dico, bisogna realizzare almeno la legge elettorale: uno dei venti punti. Altrimenti torniamo alle elezioni con nessun punto realizzato”.

I mal di pancia all’interno continuano. Complici l’estate, la distanza e una chat sul telefono, Whatsapp, che li ha tenuti in contatto nonostante il sole e i giorni al mare. Lì le discussioni e i commenti sulla politica e i giornali del mattino. Così è uscita la frase delle polemiche della senatrice Alessandra Bencini che ha criticato il leader Beppe Grillo e la sua decisione di andare al voto senza cambiare la legge elettorale. Il chiarimento è arrivato poi dal suo blog: “Le mie critiche erano in una email privata. Ciò che ho detto e che continuo a sostenere è che sono una eletta al Senato un ‘ portavoce’, avrei quindi piacere di poter portare la voce in maniera concreta con un feedback maggiore con la base, specie su questioni importanti come ad esempio la legge elettorale.”.

I botta e risposta lungo l’Italia hanno mostrato ancora una volta i nervi scoperti del Movimento. Anche se Crimi sembra non volerci dare troppo peso: “Le frizioni ci sono e ci saranno sempre – chiarisce – ma fanno parte della dialettica e della discussione interna, dalle realtà differenti dalle quali ognuno di noi proviene.  Gli obiettivi però sono comuni, se differiamo è solo sulla strada da percorrere per centrarli”. E se qualcuno ha ipotizzato una richiesta di espulsione per Bencini, Crimi smentisce: “Morra le ha chiesto semplicemente di chiarire il suo intervento, sentiremo cosa avrà da dire ma mi ha già anticipato di non aver detto esattamente quel che è stato riportato sui giornali. E io personalmente non mi fido di quel che viene scritto, ho maturato una certa esperienza che mi legittima a diffidare”. 

Gli aperturisti sono quelli che hanno osato parlare di un’alternativa: tra le elezioni e il governo delle larghe intese, pensano ad un governo di società civile che possa fare la riforma della legge elettorale. Tra questi Francesco Campanella, Lorenzo Battista e Luis Alberto Orellana. Ma anche Ivana Simeoni che spiega: “Perché dovremmo rifiutare il dialogo prima ancora di cominciare?”. Il Porcellum è uno dei motivi per cui molti di loro sono andati in Parlamento, è la promessa fatta ai banchetti ai militanti e ora, dicono, non ci stanno ad andare a casa con le mani vuote. Anche se questo vuol dire discutere all’interno: “Io amo il Movimento”, scrive Francesco Campanella su Facebook, “Lo amo come si può amare un figlio. Avete un figlio? Adolescente? Ci avete scommesso sopra tutto. Niente è più importante. Se ne è orgogliosi spesso, ci si fatica sempre, a volte ti fa incazzare. Così il nostro gruppo. Io voglio lavorare per restituire il governo del paese a cittadini che vedano nella politica uno strumento per far crescere l’Italia e non uno strumento di promozione personale. Le strade possono essere diverse ma il metodo è uno solo. Quello democratico. Decidiamo tutti insieme. Perché il Movimento io ho concorso a farlo, ho dato il mio contributo, il mio tempo ed i miei pensieri”. E di andarsene non ha nessuna intenzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vincenzo De Luca: viceministro “per finta”, ma sindaco di Salerno in eterno

next
Articolo Successivo

Decadenza, a Napolitano piace la tassa Service Berlusconi

next