Va agli arresti domiciliari Giulia Maria Ligresti, in carcere da luglio nell’inchiesta FonSai della Procura di Torino. Lo ha deciso il giudice del Tribunale del capoluogo piemontese dopo la perizia medica affidata dalla Procura sulle sue condizioni di salute. La donna, detenuta nel carcere di Vercellli, andrà ai domiciliari in una casa a Milano.

La figlia di Salvatore Ligresti ha perso circa sei chili dallo scorso 17 luglio, quando è stata condotta nel carcere di Vercelli dopo l’ordine di custodia cautelare spiccato dal gip Silvia Salvadori. Lo ha certificato il medico legale Roberto Testi nella relazione consegnata nei giorni scorsi ai pm torinesi Vittorio Nessi e Marco Gianoglio, che lo avevano incaricato di valutare le sue condizioni di salute e la loro compatibilità col regime carcerario.

In precedenza il gip aveva respinto l’istanza di scarcerazione formulata dai legali della donna, che rifiuta il cibo dal giorno dell’arresto, nonostante l’accusa avesse dato parere favorevole dopo che aveva collaborato con le indagini e formulato una proposta di patteggiamento della pena. L’udienza in merito si svolgerà a inizio settembre.

Via libera, invece, del medico legale agli interrogatori per Salvatore Ligresti. L’ex costruttore siciliano, infatti, secondo il perito è perfettamente in grado, nonostante l’età avanzata e qualche acciacco, di affrontare il confronto con in magistrati che indagano sulla passata gestione della compagnia assicurativa e anche di sostenere un eventuale trasferimento dalla sua casa di Milano, dove si trova agli arresti domiciliari dallo scorso luglio, agli uffici della Procura di Torino che a cavallo di ferragosto ha disposto un sequestro per equivalente da (teorici) 251,6 milioni di euro a carico della famiglia Ligresti e di Fondiaria Sai che è coinvolta nell’inchiesta per la responsabilità amministrativa degli enti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Decadenza, Berlusconi non è uno come gli altri

prev
Articolo Successivo

Udeur “associazione a delinquere”. Annullato proscioglimento Mastella

next