A pochi giorni dalla ripresa dell’attività dopo il fermo pesca i lavoratori del settore lanciano l’allarme: “Nonostante ci siano molte meno barche, il pesce non si riproduce più”. A Cesenatico alla cooperativa Casa dei Pescatori si preparano le reti, si riparano le barche perché il due settembre si torna a largo dopo che gran parte dell’attività si è interrotta per 40 giorni: “Nonostante il blocco biologico il prodotto è dimezzato, per noi la causa è anche l’inquinamento”. Gli studiosi del Centro delle ricerche marine confermano: “La scarsità di pesce riguarda tutti i mari del mondo ed è dovuta alla pesca massiccia del passato. In Emilia Romagna poi si aggiunge l’eutrofizzazione, causata da azoto e fosforo che arriva dal Po” di David Marceddu

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carbon tax, dopo i paesi scandinavi anche la Francia di Hollande vuole la ‘tassa verde’

next
Articolo Successivo

Dalla profondità del mare

next