A pochi giorni dalla ripresa dell’attività dopo il fermo pesca i lavoratori del settore lanciano l’allarme: “Nonostante ci siano molte meno barche, il pesce non si riproduce più”. A Cesenatico alla cooperativa Casa dei Pescatori si preparano le reti, si riparano le barche perché il due settembre si torna a largo dopo che gran parte dell’attività si è interrotta per 40 giorni: “Nonostante il blocco biologico il prodotto è dimezzato, per noi la causa è anche l’inquinamento”. Gli studiosi del Centro delle ricerche marine confermano: “La scarsità di pesce riguarda tutti i mari del mondo ed è dovuta alla pesca massiccia del passato. In Emilia Romagna poi si aggiunge l’eutrofizzazione, causata da azoto e fosforo che arriva dal Po” di David Marceddu

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Carbon tax, dopo i paesi scandinavi anche la Francia di Hollande vuole la ‘tassa verde’

prev
Articolo Successivo

Dalla profondità del mare

next