Ha iniziato a lavorare per Microsoft nel 1980 ed è diventato amministratore delegato nel 2000. Ma dopo tredici anni ai vertici dell’azienda – in cui spiega di avere portato la società da un fatturato di 7,5 milioni di dollari a uno di 78 miliardi, con un numero di dipendenti passato da 30 a oltre 100 mila – Steve Ballmer, 57 anni, annuncia di volere ritirarsi entro i prossimi dodici mesi, confermando le voci che circolavano da tempo. Una notizia accolta positivamente dai mercati, con un balzo del 7,72% a 34,55 dollari di Microsoft sul Dow Jones

L’uscita di scena avverrà al termine del processo di selezione del suo successore e il board dei direttori ha già nominato un comitato speciale. L’organismo – di cui fa parte lo stesso Gates, in qualità di presidente – lavorerà con la società di cacciatori di teste Heidrick & Struggles e “valuterà candidati sia interni che esterni”.

“Non c’è mai un tempo perfetto per questo tipo di transizione ma ora è il momento giusto”, scrive Ballmer nella lettera ai dipendenti in cui annuncia il suo addio. “Amo questa compagnia, il modo con cui abbiamo contributo a inventare e diffondere il pc e sono orgoglioso dei risultati raggiunti”. Al successo di Microsoft, l’ad dimissionario sente di “avere avuto una parte, essendomi sempre impegnato emotivamente al cento per cento”.

Ma ora, aggiunge, alla luce delle nuove linee guida dell’azienda, “abbiamo bisogno di un Ceo che sarà qui per un mandato più lungo”. Ballmer conclude ribadendo il proprio legame con l’azienda visto che “punto a rimanere uno dei più grandi azionisti di Microsoft”. Grazie alle stock option accumulate in questi 33 anni, infatti, la quota di Ballmer ammonterebbe a oltre 333 milioni di azioni (4,2% del totale), la quota personale più grande dopo quella di Bill Gates: la fortuna dell’ad è pertanto stimata nel 2013 a 15,2 miliardi di dollari. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gamescom 2013, Destiny: gioco di riscatto per la Terra distrutta dagli alieni

prev
Articolo Successivo

Innovazione digitale, perché il futuro non passa dall’Italia

next