Il Cie di Isola Capo Rizzuto è stato chiuso e svuotato di tutti i suoi trattenuti dopo che, in seguito alla morte di un immigrato marocchino, era stato devastato da una rivolta di immigrati che erano ospiti nella struttura.

Il decesso del 31 enne marocchino è avvenuto, per causa di un malore, il 10 agosto e ha scatenato la violenza degli altri immigrati. Nel centro di identificazione e di espulsione sono stati completamente distrutti gli arredamenti, il sistema di videosorveglianza e, nelle pareti dei muri, sono stati praticati dei grossi fori. Dopo che la rivolta è stata sedata dalle forze dell’ordine la Prefettura di Crotone ha deciso di chiudere la struttura perché non più agibile. I 51 immigrati che vi risiedevano sono stati trasferiti in altri centri nel territorio italiano. Per accertare le cause della morte dell’immigrato marocchino è stata eseguita anche l’autopsia. Dai primi accertamenti sembrerebbe che il giovane soffrisse di una cardiopatia

“E’ morto per cause naturali“, ha spiegato Leonardo Sacco, vicepresidente nazionale delle Misericordie d’Italia, ente gestore del Centro. Che ha anche sottolineato come “la protesta scoppiata nel centro era legata ai tempi di permanenza“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, la “svolta” del nuovo prefetto: “Niente sconti a criminalità organizzata”

prev
Articolo Successivo

Roma, ritrovati i due gemelli scomparsi a San Basilio. Stanno tutti bene

next