Era occupato dallo scorso aprile e al suo interno ospitava una biblioteca, delle aule studio e molte attività. Ma il palazzone di via dei Sabelli ieri è stato sgomberato dalle forze dell’ordine. Il motivo? Lo stabile era pericolante, secondo fonti di Questura. Non la pensano così gli ex occupanti che sottolineano come l’area inagibile fosse stata chiusa e transennata, ma soprattutto vedono nell’operazione il tentativo di dare seguito all’ennesima speculazione edilizia nel rione romano. “Insieme alla polizia sono arrivati anche operai che hanno iniziato a distruggere a picconate i gabinetti per renderli inutilizzabili”, raccontano. Nel pomeriggio c’è stata un’affollata assemblea al Cinema Palazzo e poi un corteo per le vie di San Lorenzo. Intanto la proprietà, la Sabelli trading srl, ha aperto all’idea di una consultazione con  “l’amministrazione e i cittadini per garantire la valorizzazione dell’immobile compatibilmente con il quartiere”  di Nello Trocchia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, finisce la “Libera Repubblica di San Lorenzo”: sgomberato l’edificio occupato

prev
Articolo Successivo

Mar Rosso, a Malpensa i turisti non demordono: “Lì è tranquillo”

next