Il presidente Napolitano ha commentato il gesto di decine di bagnanti di Pachino, Siracusa, che hanno formato una lunga catena umana per tirare in salvo 160 migranti, caduti in mare, a pochi metri dalla spiaggia, tra loro molte le donne e i bambini, anche piccolissimi: “Hanno reso onore all’Italia”.

In questo caso, la pensiamo come il Presidente. Naturalmente questo non può farci dimenticare che esistono anche italiani che, invece, chiamano orango il ministro Kyenge, lanciano banane, pestano i trans e i gay, disegnano svastiche a Sant’Anna di Stazzema, cantano inni nazi nei parchi della resistenza, festeggiano il compleanno del boia Kappler, tanto per fare qualche esempio.

Così come sarà il caso di non dimenticare che, tra coloro che sono stati insigniti delle onorificenze della Repubblica, ci sono ancora condannati in via definitiva, e non solo quello di Arcore, evasori fiscali, esportatori di capitali, persone che hanno invece contribuito a disonorare l’Italia, dentro e fuori i confini nazionali.

Mai come in questo caso sarebbe bello che le onorificenze venissero, almeno simbolicamente, levate dai petti di costoro e consegnate a quelle persone che, a Pachino, hanno dato vita a una catena umana per mettere in salvo donne e uomini di altro colore, altra fede, altro continente. Chi, se non costoro, merita il titolo di Cavaliere della Repubblica?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aereo prende fuoco e precipita sulla Marmolada: quattro morti

next
Articolo Successivo

Non lasciamoli soli: il magistrato Catello Maresca e il furto di Ferragosto

next