Se non vi piace parlare usando termini anglosassoni potete semplicemente chiamarla “Terapia del libro”. Cartaceo o digitale, nella lista delle cose da portare in vacanza non dovrebbe mai mancare, dicono gli esperti intervistati da Libreriamo. Psicologi, critici, adetti ai lavori, ma anche sociologi e docenti universitari: sono tutti d’accordo (o quasi, 7 su 10 raccomandano la “Book therapy”) nell’affermare che la compagnia di un buon libro sotto l’ombrellone aiuti a sconfiggere lo stress causato dalla routine lavorativa, e apra la mente tenendola in allenamento ma sgomberandola dagli argomenti che per la maggior parte dell’anno la impegnano, lasciando spazio a leggerezza e positività.

I generi antistress per eccellenza sono, sempre a detta dei conoscitori della materia, al primo posto i gialli (lo dice il 32%), seguiti dai romanzi rosa (26%), dai saggi legati al benessere (23%) e dai libri d’avventura (18%). Su questi allora bisogna puntare, negli acquisti in libreria in vista della partenza o nei bookshop che per fortuna abbondano in stazioni e aeroporti. Effetto immediato, assicurano gli intervistati, è il recupero del buonumore: riuscirebbe nel 34% dei casi, specialmente se si scelgono libri che assecondano i propri gusti letterari. Su ebook e libri cartacei gli esperti non si sbilanciano: l’importante è che si legga, a ciascuno poi la scelta orientata alla praticità di portarsi dietro decine di opere su un unico supporto multimediale, oppure al gusto romantico di sfogliare le pagine alla vecchia maniera.

I consigli di Libreriamo sono piuttosto in linea con i risultati di un sondaggio condotto da Opodo, agenzia di viaggi online, sui viaggiatori che prenotano sul web, che recentemente ha svelato le abitudini di lettura di italiani, francesi, inglesi e tedeschi nei luoghi di villeggiatura. La nostra penisola è il regno del relax: gli italiani amano mettere da parte le solite abitudini, fra le quali quella di informarsi sui fatti di attualità e politica, dedicandosi a letture poco impegnate. Uno su due preferisce i romanzi, anche quelli d’amore, mentre il 35% in viaggio opta per la guida turistica alla scoperta dei segreti del luogo che ha deciso di visitare. Il tutto sui classici libri di carta, soltanto il 15% si è affezionato ai più moderni tablet. Il titolo più gettonato? “Il grande Gatsby” di Francis Scott Fitzgerald, reduce dal successo della trasposizione cinematografica; al secondo posto “Inferno” di Dan Brown e medaglia di bronzo a pari merito “Fai bei sogni” di Massimo Gramellini e “Un covo di vipere” di Andrea Camilleri.

Nel resto d’Europa interrogato nel sondaggio c’è chi sceglie con cura le letture estive con una puntata in libreria, il 46% dei francesi, che prediligono i classici e i romanzi storici, ma non disdegnano qualche pausa per sfogliare i magazine di gossip. Oltre i l 40% dei tedeschi legge la guida turistica del luogo della propria vacanza e il 71% se la porta con sé per consultarla durante il viaggio. I più tecnologici sono senza dubbio gli inglesi, che faticano ad abbandonare la connessione a Internet anche durante le ferie e non possono fare a meno (lo dichiara un intervistato su 5) di usare il tablet per aggiornarsi e informarsi quotidianamente.

www.puntarellarossa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Paginafood”, dietro l’obiettivo c’è il tormentone social dell’estate

prev
Articolo Successivo

Agricoltura sociale, la storia della fattoria Volpares nella Bassa Friulana

next