Giulio Cavalli ora si sente più al sicuro fuori dalla Lombardia. Oggi infatti vive a Roma e sembra non aver nessuna nostalgia della sua regione d’origine, territorio che molti oramai definiscono fortemente “ ‘ndranghetizzato”. Lo fa, per esempio, il pentito Luigi Bonaventura che bolla Milano come la seconda capitale della criminalità organizzata calabrese. Lui è anche il collaboratore di giustizia, originario di Crotone e già reggente del clan Vrenna-Bonaventura – tra i più potenti della ‘ndrangheta – e nei giorni scorsi ha rivelato un piano criminale per delegittimare prima e poi uccidere l’attore antimafia, del quale i boss parlano come un vero e proprio “scassaminchia”. Le indagini sull’attentato contro Giulio Cavalli sono state affidare a Giuseppe Pignatone, Procuratore capo di Roma. Sarà lui a mettere al setaccio le dichiarazioni di Bonaventura, che entra nel dettaglio del piano facendo nomi e cognomi e citando i clan De Stefano e Tagano, originari di Reggio Calabria. L’ordine di uccidere Cavalli, però, sembra essere arrivato dalla Lombardia dove da tempo l’attore sollevava uno “scomodo polverone” denunciando la commistione tra criminalità organizzata e livelli politici ed istituzionali dello Stato  di Fabio Abati

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alghero, blitz della Guardia di Finanza. Sigilli all’hotel dei vip ‘Capo Caccia’

prev
Articolo Successivo

Immigrati, Malta: “Nave non attraccherà”. Ma l’Ue avverte: “Deve lasciare sbarcare”

next